Twitter Concierge

HyattConcierge-su-twitterA differenza degli altri settori aziendali il servizio di un Hotel deve necessariamente essere fruito off line. L’esperienza, la percezione del servizio la si apprezza fisicamente. Ciò non toglie che Internet e i Social Media possano avere un ruolo importante nel migliorare il servizio e la percezione di esso.

Bill Carroll della Cornell University dice: “Ho la sensazione che ci troviamo nella stessa situazione di 20 anni fa. L’unica differenza + che non ci vorranno 20 anni, però, per veder concretizzare l’impatto di queste nuove dinamiche sociali ed interattive.”

Uno dei modi più efficaci per utilizzare i Social Media nel settore alberghiero potrebbe essere quello di estendere i servizi di portineria attraverso Twitter.

Un concierge on line, attraverso Twitter, potrebbe essere una soluzione interessante per alleviare il peso della gestione fisica di una serie di domande ed informazioni poste in portineria. Inoltre , le risposte prodotte diverrebbero patrimonio collettivo a favore dei prossimi clienti degli alberghi.

Questo mese in Inghilterra la catena Premier ha avviato la sperimentazione del suo servizio di Twitter Concierge .

Il venerdì, i clienti possono inviare una domanda al portiere tramite Tweet utilizzando l’hashtag # PIconcierge. L’hotel incoraggia i suoi clienti a porre domande attraverso Twitter per qualsiasi genere di informazione.

Hyatt ha lanciato il suo Twitter Concierge nel maggio 2009. “Quando abbiamo lanciato questa operazione”, dice John Wallis, responsabile Marketing di Hyatt, “abbiamo deciso che su questo canale avremmo fornito solo informazioni e non proposte commerciali».

Potrebbe essere un modo intelligente per usare il canale Twitter da parte anche degli alberghi italiani, che dite?

Fonte: Mashable

Bookmark and Share

9 pensieri su “Twitter Concierge

  1. Giapox

    Mi sembra un’ottima iniziativa: riuscire ad utilizzare il canale Twitter solo a scopo informativo, senza cadere nell’errore di piazzarci proposte commerciali sarà di sicuro un incentivo a seguirlo.

    A mio avviso, però, questo può essere valido per i grossi alberghi, con centinaia di camere.. ma non in piccole strutture ricettive. :)

  2. Danilo Pontone

    Anto questo è solo uno dei modi attraverso cui si può utilizzare Twitter. Basta un pò di voglia di sperimentare e le cose vengono da sè. Ma non solo Twitter ma anche altri social media. Ci vuole solo un pò di consapevolezza dei mezzi :)

  3. Alessandro

    Ciao Antonio,

    per un mio cliente, un Tour Operator nord americano, sono riuscito a convincerlo – lui appassionato di Iphone – ad usare Twitter come strumento di “Assistenza”.
    I clienti che acquistano un suo Tour, si informano che si offre questo servizio, vista la diffusione degli apparati mobile, circa l’80% dei clienti ha cominciato a seguire l’account del TO.
    Non solo, molto spesso si è rilevato un ottimo modo per dare assistenza diretta ai clienti (indicazioni, orari, info varie).

    Alessandro

  4. Letizia

    Io sono da sempre sostenitrice della chat per ottenere risposte in tempo reale. Mi è capitato alle volte di scrivere mail per chiedere info e mi sono resa conto molte volte che il concierge ci mette ore nel rispondere. Mi chiedo come mai essendo l’email un elemento fondamentale per quel lavoro (prenotazioni, etc..) la posta elettronica viene controllata così poco da alcune strutture? Io sul mio lavoro sono sempre in fermento e sto male se non guardo l’email client. Visto che capita che si attenda una risposta anche urgente per fissare una struttura se questa risposta viene a mancare sarebbe opportuno l’utilizzo di instant messaging tipo Skype. L’ideale sarebbe creare un’icona all’interno del sito web dell’hotel e connettersi al contatto di skype del concierge in modo tale da fare domande in tempo reale. Qualcuno lo fa…ma sono molto pochi e anche quando mi è successo di aggiungere un contatto su skype sono rimasta delusa dal non trovare MAI il concierge ON LINE…..Ci sono gli strumenti perchè non metterli a frutto? Proprio in estate dovevo chiedere informazioni ad una agenzia di Vieste per effettuare un’escursione giornaliera alle Tremiti. Dal sito web dell’agenzia che organizzava la gita trovo il contatto skype….aggiunto ai miei contatti ma mai e dico mai trovati on line…. peccato avevo un sacco di domande da fare loro…fatto sta che poi non ne ho fatto di niente…Non è un’occasione di lavoro persa per loro?

  5. Gabriele

    ottima idea ma ovviamente con una buona campagna marketing. Tutto sdipende, anche, dal tipo di clinete che ci troviamo difornte, ed ovviamnete la singola struttura deve offrire anche i mezzi per ottenere questo.
    Io personalmente preferisco di più facebook!

  6. VARNER

    Mi piace un sacco l’idea e sto pensando come metterla in pratica . Il mio dubbio , seguendo una piccola struttura , é se sia necessario creare una pagina concierge o meglio dirottare il tutto semplicemente sull’account dell’hotel .
    Mi piace molto l’idea di Letizia e ci sto studiando su . Certo quella di twetter ha il plus di aiutare l’indicizzazione e di rendere pubblico l’archivio delle informazioni

I commenti sono chiusi.