Blog
28 maggio 2009 by Reputazione On Line, TripAdvisor

Quello che di TripAdvisor non mi convince

Un albergatore mi ha fatto rimuovere il guestbook dal sito per evitare che i clienti, a cui chiedeva di inserire un commento su TripAdvisor, non “sprecassero” commenti sul proprio sito a discapito del colosso Americano.
Una maniacale attenzione all’incitamento al commento su TripAdvisor. Questo spiega come Bed and Breakfast con un paio di camere abbiano centinaia di commenti e, alberghi che nel “pre-social web” non avevano nemmeno il sito, oggi, hanno una sfilza di commenti da far paura.
Mi chiedo: se il commento non fosse “indotto” con una serie di attenzioni, quanti effettivamente e spontaneamente, avrebbero pubblicato la propria opinione sul soggiorno presso quella struttura?
Facendo l’analisi della “massaia”, quindi senza una verifica scientifica di quanto affermo, ho notato che scegliendo a campione alberghi (tra i primi posti di TA) di alcune destinazioni, parecchi di questi hanno ricevuto commenti da ospiti che hanno pubblicato su TripAdvisor un solo commento. Questo è un indicatore che dovrebbe pesare nella valutazione complessiva che TripAdvisor assegna alle singole strutture.
Il criterio che si dovrebbe usare è analogo al peso e alla referenza che Google assegna ad ogni link in entrata di un sito. Non a tutti i link viene assegnato lo stesso peso e referenza. Se il link proviene da un sito affidabile, pertinente, anziano, con una buona reputazione, ebbene, quel link ha un peso maggiore nel favorire un migliore posizionamento organico del sito ricevente.
Su TripAdvisor il peso assegnato ai commenti è meramente matematico e non c’è un peso qualitativo in base alle referenze dell’utente che posta il commento.
Rifletterei su questo punto!

4 Comments

4 Comments for this post

  • Mi trovi d’accordo con quanto dici.
    Visitando TripAdvisor o leggendo commenti riguardo questo portale, mi sembra sempre di vedere una gara a chi si accaparra il maggior numero di recensioni.

    E poi, di queste recensioni, quante sono più o meno attendibili? Quante più o meno di “qualità”, se di qualità si può parlare?

    E’ impossibile dare una valutazione alla recensione in sè, ma è più facile dare un voto all’hotel sulla base delle recensioni ricevute; un voto quello dell’hotel, che poi non è assolutamente veritiero.

    Le recensioni hanno e dovrebbero sempre mantenere lo scopo di ascolto dei clienti, capire cosa non è andato bene per evitare che si verifichino nuovamente gli stessi errori.

    Meglio ancora è guardare più alle recensioni negative anzichè quelle positive, perchè permettono di migliorare la propria realtà alberghiera, evitare di commettere i medesimi errori.

    Purtroppo, ascoltando e leggendo pareri diversi, sembra esserci più un interesse nel far vedere quanto si è “belli e bravi”, magari risultando persino poco credibili.

    Quanto ai commenti indotti…che tristezza!

    Danilo9 anni ago REPLY
  • Riflessione arguta Antonello…
    Nati con l'intento di dar voce ai clienti, i portali di recensioni si sono traformati in breve tempo in veri e propri colossi con relativi interessi economici…
    Quanto ci si può fidare di commenti lasciati ad hoc e una tantum?
    Quanto vale una opinione lasciata su un portale non scevro dalle logiche del business?
    Credo poco, almeno per l'utente attento…
    Personalmente mi fido molto di più di blog personali, o di portali che raccolgono le esperienze dei viaggiatori senza celare dietro le oscure (ma palesi ad occhi come i tuoi) dinamiche dell'accaparramento indiscriminato della "popolarità" che poi si trasforma in conversioni…
    Forse la tua riflessione con la quale io e Danilo concordiamo non sarà gradita a molti e susciterà qualche "OHHH" di stupore ma serve a mettere in luce un aspetto molte volte sottovalutato dal fruitore estraneo al mondo del marketing turistico e alberghiero…§
    E se con quanto scrivi, inducessi anche un solo utente a riflettere credo che sia un risultato importante ed apprezzabile…
    Inoltre mi piacerebbe leggere l'opinione di qualcuno che si "fida ciecamente" di TripAdvisor & Famiglia…vorrei sinceramente capire qual è il meccanismo che si innesta, quali sono le logiche che portano a una tale attribuzione di "bontà"…

    loretta9 anni ago REPLY
  • Perfetto!
    Ma io ho in mente un bel scherzetto per Trip Advisor. Poi ve lo spiego da vicino.
    gaspar

    gaspare9 anni ago REPLY
  • Interessante chiave di lettura!

    Michela9 anni ago REPLY

Archivi

Categorie

Privacy Policy
  • Studio Maresca - Vicolo Belfiore,1

  • 37067 Valeggio sul Mincio [VR] - P.IVA 05093741212